La Mosella del Vino, ecco a voi i più grandi Riesling al Mondo

La Mosella del Vino, ecco a voi i più grandi Riesling al Mondo

Il Corso della Mosella

La Mosella è un fiume che sorge Vosgi e sfocia nel Reno, di cui è tra i maggiori affluenti, all’altezza di Coblenza, dopo 561 Km. Passa attraverso la Francia Nord Orientale, poi per 39 Km segna il confine tra Lussemburgo e Germania, prima di entrare definitivamente nel paese teutonico all’altezza di Treviri. Qui prende il nome di Mosel, ed è il Regno del Riesling, assoluta star dell’intera regione.

Le Viti in Mosella

La coltivazione della vite in Mosella, a causa dei suoi ripidi pendii, è considerata tra le più difficili dell’intero panorama mondiale, ma anche tra le più generose in termine di qualità.

Va da sè che in Germania si produca in maniera prettamente non invasiva, ottenendo un vino naturale magnifico, come spiega Apewineboxes.com, leader di settore

Il problema dell’intera area è la manodopera in quanto sempre meno giovani tedeschi aspirano a lavorare per ore curvi su vigne davvero ostiche. Negli ultimi anni la forza lavoro proviene, poco specializzata, prettamente dall’Europa dell’Est, ma non riesce a soddisfare il fabbisogno di lavoro richiesto.

L’area totale vitata è scemata di un terzo dagli anni ‘90, ma questo è giustificabile con la sradicamento quasi in toto delle viti di Muller Thurgau (incrocio tra Riesling Renano e Madeleine Royale), considerate di basso valore e la riconversione dei vigneti pianeggianti, poco pregiati, ad altri usi.

Inoltre giova sempre ricordare che ad ogni ansa del fiume il potenziale produttivo cambia, in generale i punti più adatti sono quelli rivolti a Sud e con pendii talmente rigidi da sfruttarne alla perfezione il terroir.

Le prime zone vitate

Le prime aree che troviamo sono quelle della Moseltor, da Sehndorf a Nenning, e dell’Obermosel che si estende parallela a quella del Saar. Sono caratterizzate da terreno calcareo, niente a che vedere con l’Ardesia della Mittelmosel che troveremo più avanti.

Le Valli laterali

Proprio all’inizio del suo corso in Germania, la Mosella scorre vicina a due fiumi, Saar e Ruwer.

Saar

Il Saar è l’area che meglio identifica il vino tedesco, con le sue difficoltà ed i suoi trionfi; in questa zona infatti, quando le condizioni sono giuste e si riescono qui di ad ottenere uve zuccherine malgrado il freddo, i suoi vini entrano a far parte di quel lotto, a ragione, considerato tra i migliori di tutto il Paese. Gli ettari vitati sono circa 750 e spesso spazzati da freddi venti orientali.

Come per le zone migliori del bacino della Mosella il terreno è composto di Ardesia, qui i Riesling si esaltano dando vita a vini molto freschi con sentori di mela e di miele ed un retrogusto metallico. Il Clima è più asciutto che nella Ruwer e caratterizza rese più basse.

Ruwer

Pochissimi vigneti e per la maggior parte (ancora) poco famosi che però negli ultimi anni, con il riscaldamento globale, stanno diventando sempre più richiesti. Come per il Saar, con le giuste condizioni, nascono gemme raffinate. I centri vinicoli più importanti dell’intera area sono Waldrach, dove si produce un vino di rapida beva, Kasel, in grado di dare vini notevoli nelle annate calde e Treviri (Trier), dove si produce anche Elbling, vitigno rustico e resistente.

Mittelmosel

Il Riesling si fa protagonista tra l’Ardesia.

Piesport

La Valle della Mosella in questa zona celebra tutta la sua bellezza con pareti di Ardesia che si erigono fino anche a 200 metri di altezza, i romani producevano la vite già nel III sec DC. 

Anche qui i vigneti migliori sono quelli esposti a Sud.

Il primo tratto è celebre all’altezza di Thornich e Klusserath fino a Trittenheim, dove la pendenza è cosi forte che per lavorare nel vigneto bisogna utilizzare la monorotaia.

Si arriva poi a Piesport e Minheim, zone in cui il Riesling diviene miele, sprigionando sentori di una eleganza pazzesca.

Bernkastel

Arrivati a questo punto si arriva alle rovine di un castello romano che domina l’intera area di Bernkastel e da dove si può scorgere una parete alta 200 metri e lunga 8km, una vista incredibile. I vini sono incredibili, si distinguono per spiccate note di pietra focaia e vengono prodotti dalle più importanti cantine della Mosella; questa zona cosi pregiata arriva fino a Wehlen, dove i vini sono mediamente più raffinati e complessi.

Un’altra zona incredibile di questo tratto di fiume è quella di Erden, dove si registrano le temperature più alte dell’intera valle.

La Mittelmosel termina tra Traben-Trarbach e Enkirch, dove sempre più giovani e talentuosi viticoltori si stanno cimentando con la produzione di vini di altissima qualità.

Terramosel

L’ultimo tratto prima di arrivare al Reno è quello che va da Zell a Coblenza.

I Vigneti sono situati su ripidissimi pendii e strette terrazze, e da questo prende nome l’area, considerata tra le zone vinicole più ripide d’Europa. E’ un territorio dalle grande potenzialità specie nel tratto Zell-Cochem, dove si produce vino in maniera artigianale di grandissima qualità.